Educazione

L’associazione 21 Marzo offre formazione alla legalità attraverso strumenti predisposti da Libera a livello nazionale e strumenti propri in relazione alle peculiarità del territorio, sia a livello formale grazie ai percorsi educativi nelle scuole, sia a livello informale grazie ad alcuni progetti specifici quali ad esempio la gestione dello spazio giovani comunale Il Kantiere della Città di Verbania.
La formazione è strutturata come segue:
• nelle scuole, aprendosi al territorio con percorsi dedicati alla “Educazione alla Cittadinanza”
• alla collettività, attraverso momenti pubblici quali conferenze con esperti, presentazioni di libri, incontri con attivisti della società civile
• ai soci, attraverso la partecipazione ai coordinamenti regionali e alla formazione provinciale, regionale e nazionale organizzati da Libera

1506858_686212244769225_816711521689023991_n

Nonostante la provincia del Verbano Cusio Ossola non sia tra i territori italiani maggiormente coinvolti nei traffici della criminalità organizzata, non si esclude l’influenza di realtà criminali malavitose. Alcune considerazioni a riguardo:
• la tradizionale presenza nelle zone dell’Ossola di derivazioni di famiglie criminali calabresi, che negli anni ottanta hanno condizionato la vita politica ed economica del territorio
• la posizione strategica del VCO, caratterizzata dalla prossimità con Lombardia (interessata nel 2010 dall’inchiesta “Crimine Infinito”), Novarese (interessato dalle inchieste “Minotauro” del 2011 e “Nuovo Potere” del 2010) e Svizzera, ne comporta il coinvolgimento nel narcotraffico nazionale e internazionale di eroina, cocaina, prodotti sintetici e derivati della cannabis. Lo sviluppo di tale mercato sin dagli anni settanta si basa probabilmente sulla già presente tradizione di contrabbando, rafforzatasi durante la seconda guerra mondiale e negli anni del boom economico. Conseguenza è il drammatico e largo consumo – e, ancor peggio, abuso – di stupefacenti di vario genere che si affianca all’aumento del disagio sociale, oltre che dei problemi di ordine pubblico e sanitario;
• lo sfruttamento della prostituzione, allargato anche a strutture private e locali notturni, sia nella vicina Svizzera che nella realtà locale
• il fenomeno dell’indebitamento di fasce popolari non di rado vittime di gioco d’azzardo: in particolare, è un segnale di pericolo l’alto rischio usura presente nella provincia, motivato dal triste primato che vede il VCO come la provincia piemontese con il più alto tasso di spesa pro-capite nel gioco d’azzardo, in relazione al numero degli abitanti.
• le diverse inchieste e operazioni giudiziarie degli ultimi anni nella nostra provincia hanno evidenziato un alto numero di reati economico-finanziari;
• il riciclaggio del denaro sporco, tipicamente presente nelle zone di frontiera, si è dimostrato elemento inquinante e destabilizzante per alcune dinamiche di mercato.


Sfoglia la Gallery.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *